florida

La bioluminescenza e i suoi spettacoli naturali

Qualche giorno fa mi è capitato di vedere uno di quei documentari che narrano della vita negli abissi più profondi degli oceani. Uno degli aspetti che mi ha colpito di più è stato la bioluminescenza, ovvero la capacità di alcuni animali di produrre energia luminosa attraverso particolari reazioni chimiche.

L’animale più famoso e che può essere considerato l’emblema di questo affascinante fenomeno è certamente la lucciola, capace di emettere luce già allo stato larvale per intimidire probabili predatori, avvisandoli che no, non sarebbe proprio buona da mangiare e anzi, addirittura tossica. Le lucciole adulte, inoltre, usano la bioluminescenza per cercare il proprio partner: i maschi emettono luce ad intermittenza e a diverse intensità in cerca di una femmina, che risponde al richiamo con un flash.
L’importantissima ricerca di una compagna ad opera del maschio è per i nostri occhi uno spettacolo emozionante. In diverse zone del mondo si assiste a veri e propri sciami di lucciole che risplendono ad intermittenza, fino a sincronizzarsi in un’unica sinfonia che dura circa due settimane ogni anno.

7099091473_e3cc7014e7_o-3

La stagione degli amori non è prevedibile e cambia annualmente. Gli scienziati non hanno ancora capito il perché, si sa però che cade all’incirca tra la terza settimana di maggio e la terza di giugno. Una tra le più grandi colonie di questi coleotteri è situata in Malaysia, nel villaggio di Kuala Selangor, divenuto noto ai turisti proprio per lo spettacolo che queste lucciole sono in grado di regalare.
Ma come fa la lucciola ad illuminarsi? Ebbene, la reazione chimica coinvolge il substrato organico luciferina, che emette la luce quando ossidato, grazie all’enzima luciferasi. Ma direi di non scendere troppo nei dettagli! Ci basta sapere che la lucciola regola la sua luminescenza regolando il flusso di aria e quindi di ossigeno entrante nelle parti addominali trasparenti posteriori. Un espediente naturale davvero elaborato!

Fireflies and Star Trails No. 1-2

 

Non c’è che dire, la natura ci dona sempre atmosfere magiche. Un altro magnifico esempio di bioluminescenza lo si può trovare alle Maldive. Certo, non è proprio dietro l’angolo, ma se mai vi capiterà di viaggiare in una di quelle sognanti isole, in special modo nell’isola di Mudhdhoo, occhi aperti! La spiaggia al calar del sole ha la “capacità” di illuminarsi in una suggestiva scia blu luminosa. Ciò è dovuto al fitoplancton bioluminescente.Red Tide Bio Luminescense-2
L’Università di Harvard ha condotto uno studio accurato per scoprire nel dettaglio il meccanismo per il quale avviene questo fenomeno. Gli studiosi hanno scoperto che le alghe microscopiche contenenti clorofilla, i dinoflagellati, presentano un canale che risponde a segnali elettrici. Gli impulsi elettrici, probabilmente dati dal movimento fluttuante delle onde, permettono a dei protoni di passare all’interno del canale e innescano così delle reazioni chimiche che attivano la proteina colpevole del caratteristico colore blu.
Ma lasciamo agli scienziati gli aspetti più tecnici! Una tra le tante curiosità è che il fitoplancton è presente anche nei laghi, ma la bioluminescenza in questo caso è assente! Solo con l’acqua salata si possono osservare le scie blu. Spiagge luminose si possono immortalare, se siete fortunati, anche in California, sulla costa di Leucadia, sulle coste della Florida o su quelle dell’arcipelago indiano delle Laccadive.
Fenomeni sparsi un po’ per tutto il mondo, insomma, che regalano emozioni uniche già in fotografia.

5492643818_5a0bcd8c1b_o-2

 

Annunci

I lemuri del Madagascar

1/1000sec    f4     ISO100

1/1000sec f4 ISO100

Ormai sono diventati famosi. Dopo il grande successo del film d’animazione Madagascar, i lemuri sono considerati simpatici giocherelloni. Tra i più caratteristici troviamo i lemuri catta, dalla coda a strisce. Possiamo trovarli esclusivamente in Madagascar e, purtroppo, anche negli zoo e bioparchi a causa del rischio di estinzione che corrono.

Infatti, il loro habitat naturale, ossia le foreste secche della parte occidentale e meridionale dell’isola, sta venendo distrutto a velocità esponenziali. Il Madagascar è uno tra i paesi più poveri al mondo e le bellezze naturali che possiede vengono spesso messe in secondo piano. Il disboscamento, gli incendi per rendere i terreni coltivabili e la distruzione delle foreste spinose endemiche per produrre carbonella stanno trasformando il territorio distruggendo gli habitat vitali per le specie presenti sull’isola.

I lemuri dalla coda ad anelli sono davvero singolari. Passano gran parte della loro giornata a terra cibandosi principalmente di frutti. La coda non serve loro ad arrampicarsi sugli alberi. Vivono in branchi chiamati “truppe”. Queste sono formate da 6 a 30 esemplari circa e a capo di ognuna c’è una femmina. Sono decisamente territoriali e marcano il loro territorio con il caratteristico odore che emanano dalla coda, facendola oscillare al vento, e dalle ghiandole sotto le ascelle.

Se a volte li vediamo seduti sulle zampe posteriori, con quelle anteriori aperte verso il sole, è perchè si stanno rilassando scaldandosi al sole.

La notizia che ha sorpreso molti è che circa un mese fa, nei pressi della località di Sanibel in Florida, sono stati avvistati (ma senza fotografie che ne accertino davvero la veridicità) alcuni esemplari di lemuri in libertà. Si è anche avanzata timidamente la proposta che, qualora venissero trovati, potrebbero essere tenuti come animali in cattività con un permesso speciale (FWC Class III wildlife permit).

Ogni animale ha bisogno del suo habitat naturale. L’uomo, con la distruzione delle foreste e l’introduzione di specie aliene sta provocando un danno enorme a questi come ad altri animali. Per fortuna, molti sono gli studiosi che stanno cercando di preservare queste specie e in Madagascar sono tante le riserve speciali e le riserve naturali.

Sperando in una svolta positiva, vi posto alcune foto di lemuri catta da me scattare al Bioparco di Torino. Ho cercato di cogliere i momenti che più mi affascinavano, dando molta importanza a come “parlassero” con gli sguardi. Mi ha colpito inoltre di come si aiutassero a vicenda, curando i piccoli e insegnando loro ad arrampicarsi.

1/250sec    f4     ISO100

1/250sec f4 ISO100

1/320sec    f3.6   ISO100

1/320sec f3.6 ISO100

1/320sec   f3.7    ISO100

1/320sec f3.7 ISO100

1/100sec   f5   ISO100

1/100sec f5 ISO100

1/320sec   f4.8   ISO100

1/320sec f4.8 ISO100

1/640sec   f4.1    ISO400

1/640sec f4.1 ISO400